COWORKING MR KETING BUSINESS CENTER COWORKING MR KETING BUSINESS CENTER COWORKING MR KETING BUSINESS CENTER COWORKING MR KETING BUSINESS CENTER
COWORKING MR KETING BUSINESS CENTER COWORKING MR KETING BUSINESS CENTER COWORKING MR KETING BUSINESS CENTER COWORKING MR KETING BUSINESS CENTER
Cookies: perché conviene pagare la gestione del consenso

Cookies: perché conviene pagare la gestione del consenso

Cookies: l’attuale normativa prevede che i siti web utilizzino un CMP. Ecco di cosa si tratta e perché dovresti implementarlo sul tuo sito web.

Ogni volta che accediamo ad un qualsiasi sito web ci appare una schermata che ci chiede di “accettare i cookies” per poter continuare a navigare. Siamo certi che anche tu clicchi “accetta“ senza pensarci due volte e, quando si tratta del tuo sito web, vorresti che i tuoi utenti possano accedere ai contenuti senza intoppi.

La schermata di accettazione che appare, però, è obbligatoria per legge e se le tue pagine non gestiscono correttamente il consenso degli utenti per l’uso dei cookies vai incontro a sanzioni da 10000 Euro a 120000 Euro.

Perchè affidarsi a CMP

In Francia la cattiva gestione dei cookies da parte di Google è costata al motore di ricerca per eccellenza 100 milioni di euro. Vuoi davvero rischiare una multa simile?

Cosa accade quando accetti i cookies di un sito web

Quando clicchi su “accetta i cookies” permetti ai proprietari del sito che stai navigando di lasciare sul tuo computer o sul tuo smartphone brevi stringhe di codice che registrano la tua visita.
Queste stringhe di codice possono essere di due diverse tipologie

Ottimizza la raccolta
Sei sicuro
Deleghi il controllo
ti tuteli in caso di controlli
=

Cookies tecnici:

registrano la tua visita e comunicano con il tuo browser per migliorare la tua esperienza sul sito. Si tratta per esempio dei cookies che ti permettono di entrare nell’area riservata di alcuni siti, come gli home banking e gli e-commerce.

=

Cookies di profilazione:

 sono cookie che registrano la visita e ti creano un profilo sulla base della tua navigazione all’interno del sito. Questi cookies vengono poi usati per azioni di marketing, come inviarti mail con prodotti simili a quelli che hai visto sul sito, o proposte commerciali da parte di altre aziende, che vendono prodotti complementari a quelli che hai visionato.

I cookies possono essere di proprietà del sito stesso, ma nella maggior parte dei casi sono cookies di terze parti, ovvero di aziende come:

Facebook, per permettere la condivisione sulle pagine Social

T

Google, per monitorare la tua visita sul sito, le pagine viste, il tempo di permanenza

Istituti bancari, per gestire le transazioni

Servizi di retargeting, per promuovere prodotti simili a quelli del sito visitato

«Anche se utilizzi cookies di terze parti, ne sei responsabile e sei tu che devi tener traccia delle preferenze degli utenti».

Mr Ivan Agliardi

Innovation Manager, Mr Keting

Cosa accade quando i tuoi utenti accettano i cookies

Quando gli utenti accettano i cookies del tuo sito web, tu devi registrare l’accettazione da parte loro e renderla disponibile al Garante per la Privacy in caso di controlli.

Anche se utilizzi cookies di terze parti senza saperlo, perché ad esempio hai installato un plug-in che contiene cookies, ma non hai chiesto al tuo tecnico di verificarne la presenza, sei tu il responsabile della raccolta del consenso da parte degli utenti.

La raccolta del consenso, però, deve effettuata con metodo e non basta mettere un banner che informa gli utenti della presenza dei cookies. Affinché la raccolta sia corretta deve registrare un’azione volontaria da parte dell’utente ed essere verificata da piattaforme GDPR Compliant.

L’utente spesso accetta o non accetta i cookies “a sentimento”, ma per il proprietario del sito questa scelta deve essere fatta con cognizione di causa e verificata da terzi

Chi certifica la corretta raccolta del consenso per i cookies

Secondo l’attuale normativa, non basta che il proprietario di un sito si ricordi che l’utente ha cliccato su “accetta”, ma è necessario un CMP, cioè un Consent Management Platform che certifica la scelta dell’utente.

Inoltre, è importante verificare che il CMP scelto sia GDPR compliant, ovvero rispetti alla lettera la normativa vigente, disabilitando in via preventiva tutti i cookies e attivando solo quelli specificati con un flag dall’utente prima di cliccare su “accetta”.

Il CMP è ben diverso dal cookies banner. Se il tuo sito ha una banda cookies con il tasto “accetta” non significa che questa sia GDPR compliant e ti tuteli in caso di controlli e controversie

Ecco un esempio della schermata in cui l’utente sceglie i cookies da accettare:

Perché conviene pagare la gestione del consenso cookies

Quanto costa avere un CMP

In Rete si trovano diversi CMP che sono GDPR compliant e registrano il consenso degli utenti in modo corretto. Per utilizzare queste piattaforme sul proprio sito è necessario sottoscrivere un piano di abbonamento e, per la legge della domanda e dell’offerta, ogni CMP ha una tariffa diversa dall’altro.

La differenza di costo dipende dalle funzionalità aggiuntive, dalla facilità di integrazione del CMP con WordPress o altre piattaforme, dalle lingue disponibili,…

Per trovare il CMP più adatto alle esigenze del tuo sito, ti consigliamo di non fermarti al costo annuale dell’abbonamento, ma di contattare uno sviluppatore per verificare quale piattaforma fa al caso tuo e può davvero evitarti salate sanzioni.

Cookies: perché conviene pagare la gestione del consenso

Vuoi sapere quali CMP consigliamo ai nostri clienti per raccogliere il consenso dei cookies in modo corretto ed evitare sanzioni?


Hai trovato interessante l'articolo "Cookies: perché conviene pagare la gestione del consenso?"

Lascia una recensione sulla nostra scheda Google My Business.


Articoli correlati


Password sicure: esempi e consigli

8 Dicembre 2022 | Mr Ivan Agliardi

La sicurezza del sito web della tua attività inizia dalle password. Scopri come creare password sicure per i tuoi account e proteggere i tuoi dati.

+

Hosting WordPress gestito: cosa è e che vantaggi offre

1 Dicembre 2022 | Mr Ivan Agliardi

Hai sentito parlare di hosting gestito, ma non sei sicuro che faccia al caso tuo? Scopri se l’hosting gestito è adatto alla tua azienda. Leggi i nostri consigli.

+
Hosting e-commerce

Gestione siti WordPress: con WPRecovery basta un click

27 Ottobre 2022 | Mr Ivan Agliardi

Gestisci l’hosting per il tuo sito o il tuo e-commerce, aggiungi certificati SSL e normativa GDPR, ripristina i dati in autonomia con la nuova piattaforma WPRecovery. Scopri di più.

+
Categorie

Mr Keting: il web marketing che porta risultati

Siamo professionisti esperti. Conosciamo la Rete, le sue dinamiche e le opportunità di business che offre alle aziende. Siamo creativi, ma con i piedi ancorati a terra. Ci poniamo obiettivi, analizziamo dati, e raggiungiamo risultati nei tempi previsti.

Affianchiamo le aziende con strategie di web marketing efficaci, incrementiamo la loro reputazione in Rete, miglioriamo l’esperienza dei loro clienti.

Mr Keting è

Iscritta nella Sezione Speciale del Registro delle Imprese presso la CCIAA di Bergamo BG.

Coordinate Bancarie

IT44 Z 05696 54160 000056975X74
Banca Popolare di Sondrio Agenzia di Breno

Brands

I brands Mr Keting, WPRecovery e DEMserver sono marchi registrati e di proprietà di Mr Keting Srl, è severamente vietato l’uso e la riproduzione degli stessi senza previa autorizzazione.

Mr Keting Web agency+ a Bergamo e Brescia

SEDE PRINCIPALE E AMMINISTRATIVA

Via Marco Polo, 2a
24062 Costa Volpino BG
T +39 035972023

Mr Keting Web agency+ a Milano

RETAIL HUB

TALENT GARDEN
Via Arcivescovo Calabiana, 6 20139 Milano MI
Vieni a trovarci T +39 035972023

Mr Keting aderisce a

 

Mr Keting è membro attivo di BNI

 

I partner della nostra web agency

Retail Hub

I prodotti della nostra web agency