By Mr Keting
07/09/2020

5 aspetti legali a cui pensare quando crei il tuo e-commerce

Un e-commerce è un vero e proprio negozio e come tale deve essere tutelato dal punto di vista legale per prevenire contenziosi e pretese da parte di clienti e concorrenti.

Scopri come nella nostra news. 

Un e-commerce NON è uno spazio dove presenti la tua attività, i tuoi servizi, lasci i tuoi contatti. Un e-commerce è uno spazio dove vendi, per questo è molto più simile ad un negozio che non ad un sito web.
Nel nostro post “Come promuovere un e-commerce in Rete” ti abbiamo parlato di quali canali utilizzare per far sì che gli utenti decidano di varcare la tua porta e acquistare i tuoi prodotti, ma affinché un e-commerce parta con il piede giusto e diventi fruttuoso, deve essere a prova di controversie.
Ecco 5 aspetti a cui fare attenzione quando decidi di aprire un e-commerce per evitare multe e contenziosi legali.
1. La licenza di vendita
Chiunque può aprire un sito web, ma solo pochi possono aprire un e-commerce.
Essendo un canale di vendita, l’e-commerce
sottostà alle leggi del commercio e per vendere prodotti on line devi presentare la denuncia di inizio attività alla Camera di Commercio della tua città e avere una licenza specifica per il prodotto che vuoi vendere.
Prima di darti alla vendita on line, consulta il tuo commercialista, altrimenti i tuoi guadagni finiranno tutti nella parcella di un avvocato e nella multa che dovrai pagare per la mancata autorizzazione alla vendita on line. 

2. Il marchio
Hai deciso di aprire un e-commerce di bevande. Bene. Hai deciso che saranno bevande analcoliche. Bene. Hai deciso che il colore del tuo logo sarà il rosso. Bene. Hai deciso che il nome sarà “Bevi Coca-cola”. NON va bene.
Gli e-commerce devono rispettare i segni distintivi dei marchi e, come accade nel mondo reale, non posso utilizzare loghi e nomi che appartengono ad altri.
Quando pensi di aver trovato un nome ad effetto e un logo perfetto per il tuo nuovo progetto di vendita on line, ricorda di verificare che il nome e il logo non siano già registrati. Inoltre, quando hai identificato i segni distintivi della tua attività, registrali a tuo nome per tutelarti da eventuali futuri concorrenti. 

Nella creazione del tuo logo e del tuo marchio, segui i nostri consigli nell'articolo “Le caratteristiche di un logo efficace
3. Condizioni di vendita
Te lo ripetiamo: un e-commerce è un canale di vendita a tutti gli effetti e, acquistando i prodotti, tra te e l’utente si viene a stipulare un contratto formalizzato dalle condizioni generali di vendita che il cliente accetta quando paga il prodotto e se lo porta a casa, o meglio, aspetta che il corriere glielo consegni.
Sul tuo e-commerce devi prevedere una sezione dedicata alle condizioni di vendita che sia raggiungibile dal footer, meglio se presente anche nella schermata di conferma d’ordine in modo che il cliente possa leggerla e accettarla prima di procedere con l’acquisto.
Nelle condizioni generali di vendita devi riportare i tuoi dati, le condizioni di pagamento, le responsabilità legali, il foro di competenza, i termini di recesso e tutto quello che è necessario affinché il contratto sia impugnabile in tribunale in caso di contenzioso. 

Per la redazione delle condizioni generali di vendita, chiedi il supporto di un legale: è l’unico professionista che può aiutarti a creare un documento valido per la legge italiana.
4. Le spedizioni
Le condizioni di spedizione rientrano nelle condizioni generali di vendita e ti tutelano nel caso in il cliente apra un contenzioso riguardo a tempi e modalità di consegna.
Gli utenti sono oramai abituati ad acquistare su portali come Amazon, Zalando e simili che garantiscono spedizioni gratuite in tempi record, per questo negli e-commerce è una buona norma inserire una pagina dedicata ai costi e alle modalità con cui la merce verrà recapitata a casa dell’acquirente così da evitare malcontenti e lamentele.

Ricorda: un cliente soddisfatto lo dice ad un amico, un cliente insoddisfatto a 8. Se non vuoi farti cattiva pubblicità e imbatterti in estenuanti lotte legali, cerca di essere il più trasparente possibile con il cliente e tutelati dal punto di vista legale!
5. I dati sensibili
Quando un cliente acquista un prodotto su un e-commerce comunica al gestore del negozio i suoi dati personali, il suo indirizzo e i codici della sua carta di credito.
Questi dati sono dati sensibili, per cui devono essere trattati secondo il GDPR attualmente in vigore, e tu ne sei il diretto responsabile come ti abbiamo spiegato nell'articolo “Hacker e GDPR: come tutelarti dalla perdita di dati”. 
Spesso i gestori di e-commerce inviano newsletter e messaggi promozionali a vecchi clienti senza prima aver chiesto il loro consenso, con il rischio di vedersi recapitare in risposta alla newsletter poco gradita una multa fino al 4% del fatturato annuo.
Per evitare quest’inutile perdita, inserisci una casella con l’autorizzazione all'invio di materiale promozionale che l’utente può spuntare prima di concludere l’ordine, tieni traccia del consenso accordato e sii pronto ad eliminare i contatti dalle tue mailing list non appena il cliente ne farà richiesta.

Vuoi creare un e-commerce e vuoi che sia protetto e in regola dal punto di vista legale? Contatta i nostri Key Account e pianifica con loro un e-commerce a prova di contenziosi.
Hai trovato interessante l'articolo "5 aspetti legali a cui pensare quando crei il tuo e-commerce"? Lascia una recensione sulla nostra scheda Google My Business.